LE CARATTERISTICHE DI TUTTE LE FOTOCAMERE SIGMA FOVEON

Rino-Giardiello-Sigma-SD-quattro

Non sembra possibile, ma in rete non esiste alcuna documentazione sui dati di inizio e fine produzione delle fotocamere digitali Sigma, neanche nei siti ufficiali (anche se è facile prevedere che dopo questo articolo si troveranno).

Rino-Giardiello-190pxCon un lungo lavoro di ricerca e la collaborazione di Mtrading, Rino Giardiello – Sigma Ambassador – è riuscito a creare una tabella completa che senz’altro sarà utile agli appassionati del marchio. La tabella riporta anche i tipi di sensore adottati, le dimensioni effettive, il fattore di moltiplicazione e la risoluzione.
 
L’articolo completo su Nadir Magazine è disponibile qui.

 

Annunci

A VARSAVIA LA PROVA SUL CAMPO DELLA SIGMA DP0 QUATTRO

Varsavia5-Sigma-dp0-Rino-Giardiello.jpg

La splendida città di Varsavia fa da terreno di prova per il test della Sigma dp0 Quattro realizzato da Nadir Magazine. La piccola compatta ultragrandangolare della Sigma si è rivelata l’ideale per visitare la capitale della Polonia e riportare a casa una documentazione di elevatissima qualità grazie al sensore Foveon Quattro ed all’obiettivo fisso da 14mm (21mm equiv.). Continua a leggere “A VARSAVIA LA PROVA SUL CAMPO DELLA SIGMA DP0 QUATTRO”

4° INCONTRO FOVEON IN ABRUZZO

Cover3-1500.jpg

Una settimana all’insegna di fotocamere e obiettivi Sigma che potranno essere provati anche sulle proprie fotocamere Sigma, Nikon, Canon e Sony durante l’incontro/workshop di domenica 10 giugno e dal lunedì al sabato successivo in studio.

Il numero di partecipanti è chiuso e la prenotazione è obbligatoria. L’evento è offerto da Mtrading.

Docenti il Sigma Ambassador Rino Giardiello, direttore di Nadir Magazine, ed il fotografo professionista Paolo Iammarrone. Continua a leggere “4° INCONTRO FOVEON IN ABRUZZO”

GUIDA ALL’USO DELLA FUNZIONE SFD DELLE FOTOCAMERE SIGMA SD E DP QUATTRO

immagini-multiple.jpg

Con la nuova generazione di sensori Foveon Quattro, Sigma ha introdotto una nuova modalità di scatto chiamata SFD. “SFD” sta per “Super Fine Detail” e, grazie a 7 scatti consecutivi con diverse esposizioni, migliora notevolmente la pulizia dell’immagine, scompare quasi del tutto il rumore e viene incrementata la gamma dinamica. Le immagini che si ottengono sono mozzafiato e competono con quelle ottenute con le migliori fotocamere di medio formato che costano molto di più. Un risultato incredibile per il piccolo sensore Foveon! Continua a leggere “GUIDA ALL’USO DELLA FUNZIONE SFD DELLE FOTOCAMERE SIGMA SD E DP QUATTRO”

BOLOGNA: BIENNALE FOTO/INDUSTRIA 2017

201710_fotoind.jpg
VINCENT FOURNIER – MURATA BOY #1, QUARTIER GENERALE MURATA, NAGAOKAKYO-SHI, KYOTO, GIAPPONE, 2010 © VINCENT FOURNIER

Un progetto di Fondazione MAST
Inaugurazione 12 ottobre a Bologna
14 MOSTRE NEL CENTRO CITTADINO E AL MAST*
12 OTTOBRE – 19 NOVEMBRE 2017
*LA MOSTRA AL MAST PROSEGUIRÁ FINO AL 14 GENNAIO 2017
INGRESSO LIBERO
Per informazioni: http://www.fotoindustria.it

La Fondazione MAST presenta la terza edizione di Foto/Industria, la prima Biennale al mondo dedicata alla fotografia dell’industria e del lavoro che si svolgerà a Bologna dal 12 ottobre al 19 novembre con quattordici mostre in 13 sedi storiche del centro cittadino e al MAST. Foto/Industria nasce nel 2013 con l’intento di ampliare e condividere con il centro storico di Bologna l’idea
imprenditoriale e culturale della Fondazione MAST, centro di livello internazionale legato al gruppo industriale Coesia e concepito come tramite tra l’impresa e la comunità. Il MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia) si configura come un luogo di condivisione e collaborazione che ospita diverse attività e funzioni tra cui la PhotoGallery, che con la propria collezione di fotografia industriale curata da Urs Stahel e con l’allestimento di mostre temporanee è oggi l’unica istituzione al mondo dedicata a un genere fotografico che è quello della civiltà industriale. Continua a leggere “BOLOGNA: BIENNALE FOTO/INDUSTRIA 2017”

IL FANTASTICO BIANCONERO DEL FOVEON

 

Il sensore Foveon è l’unico sensore al mondo che si comporta come la pellicola, vale a dire che lavora coi pixel RGB disposti su strati diversi anziché alternati sullo stesso strato (sensore di tipo Bayer).

SDQ_0219-SPP-Monochrome1500.jpg

Una rivoluzione non da poco perché in tal modo ogni pixel riceve tutte le informazioni e le somma con quelle dei pixel sottostanti anziché doverle mediare con quelle dei pixel adiacenti. Questo è il motivo per cui la risoluzione nominale del Foveon si reputa corrispondente a quella di un sensore Bayer tre volte superiore o, viceversa, la risoluzione di quest’ultimo deve essere dimezzata per arrivare ad una certa equivalenza. Continua a leggere “IL FANTASTICO BIANCONERO DEL FOVEON”

SIGMA SD QUATTRO H. MEGLIO SCATTARE IN DNG O X3F?

Non basta usare il Foveon per una settimana od un mese per conoscerlo a fondo e scrivere un test esauriente e preciso: non c’è professionalità che possa aiutare nel cambiare repentinamente il modo di pensare e di trattare le foto dal sensore a mosaico, quello di Bayer, a quello a strati, il Foveon. E’ un modo di pensare che ormai, con il Bayer, è stato acquisito sin dalla nascita del digitale e tutti i programmi di fotoritocco sono ottimizzati per la massima resa coi file generati da questo tipo di sensore. Il Foveon montato nelle fotocamere Sigma, l’unico sensore al mondo a funzionare a strati come la pellicola, va conosciuto a fondo ed usato con cognizione di causa tutti i giorni perché, se da una parte c’è l’ineguagliabile ed evidente qualità contro qualsiasi sensore di Bayer anche di formato superiore, dall’altra ci sono tanti limiti e piccole idiosincrasie che possono renderne frustrante l’utilizzo e vanificare del tutto le potenzialità.

sigma-sd-quattro-h-03

Continua a leggere “SIGMA SD QUATTRO H. MEGLIO SCATTARE IN DNG O X3F?”