FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE

image.png

(Franco Fontana©, Havana 2017)

FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE è lieta di annunciare il programma di mostre che si svolgeranno da marzo ad agosto 2019 nelle sedi espositive dei tre istituti modenesi che la compongono: Galleria Civica, Fondazione Fotografia e Museo della Figurina.

PROGRAMMA ESPOSITIVO:

Pop Therapy. Lo spirito rivoluzionario delle figurine Fiorucci
A cura di: Diana Baldon, Francesca Fontana

Sede espositiva: Museo della Figurina, Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande 103, Modena
Inaugurazione: venerdì 8 marzo 2019
Periodo mostra: 9 marzo-25 agosto 2019

La mostra indaga il fenomeno culturale “Fiorucci” attraverso l’album Fiorucci Stickers, pubblicato nel 1984 da Panini e distribuito insieme a oltre 25 milioni di bustine. L’album differisce notevolmente dalle altre produzioni della casa editrice modenese, trattandosi di uno strumento personalizzabile ideato per esprimere la propria creatività. Grazie alle figurine si potrà ripercorrere la portata rivoluzionaria della creatività dello stilista milanese Elio Fiorucci che, con le proprie scelte grafiche e strategie di comunicazione, negli anni Ottanta del secolo scorso scatenò una vera e propria “Fioruccimania”. Ed è proprio agli anni Ottanta che si lega l’intervento artistico di Ludovica Gioscia che interesserà lo spazio espositivo del museo. Nel 2010, infatti, l’artista ha realizzato un “archivio Paninaro” che verrà utilizzato in occasione di questa mostra per stabilire dei legami con l’album Fiorucci e realizzare una sorta di Wunderkammer di forte impatto visivo, traboccante di rimandi a un fenomeno storico che ha lasciato una notevole impronta simbolica nel panorama culturale italiano.

Ludovica Gioscia (Roma, 1977) vive e lavora a Londra. Si è laureata in Fine Art Media alla Slade School of Fine Art nel 2004 e ha avviato da subito la sua attività espositiva. La sua pratica artistica è fortemente influenzata dagli oggetti e dai movimenti degli anni Ottanta, che hanno avuto un impatto indelebile sulla sua evoluzione e che si ripresentano nelle sue sculture e installazioni come fantasmi del passato. Tra le sue mostre personali più recenti troviamo: Nuclear Reaction Cosmic Interaction, Ex Elettrofonica, Roma (2018); Infinite Present, Baert Gallery, Los Angeles (2017); Shapeshifters, Max Mara, Londra (2017); Neurotic Seduction Astral Production, John Jones Project Space, Londra (2014).
Mostra: Franco Fontana. Sintesi
A cura di: Diana Baldon

Sedi espositive: Palazzina dei Giardini, Corso Cavour 2; Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande 103; MATA – Ex Manifattura Tabacchi, via della Manifattura dei Tabacchi 83, Modena
Inaugurazione: venerdì 22 marzo 2019
Periodo mostra: 23 marzo-25 agosto 2019

L’ampia personale dedicata all’artista e fotografo Franco Fontana si sviluppa in un percorso espositivo che si snoda all’interno del perimetro urbano, legando simbolicamente e fisicamente tutte le sedi che compongono FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE. L’esposizione è suddivisa in due sezioni. La prima, curata da Diana Baldon e allestita nella Sala Grande di Palazzo Santa Margherita e nella Palazzina dei Giardini, presenta trenta opere di medio e grande formato selezionate dal vasto archivio fotografico dell’artista. Questo nucleo illustra e ripercorre quasi sessant’anni di attività (dal 1961 fino al 2017), analizzando i fondamenti e l’evoluzione di quello che nel corso del tempo è diventato lo stile iconico di Franco Fontana.
Al MATA – Ex Manifattura Tabacchi, la seconda sezione della mostra, curata dallo stesso Franco Fontana, presenta una selezione di circa cento fotografie appartenenti al Fondo Franco Fontana, donato dall’autore alla Galleria Civica nel 1991, che raccontano i rapporti tra l’artista modenese e i grandi protagonisti della fotografia internazionale. La raccolta nasce da un’attività di scambio con altri fotografi e grazie a successive donazioni conta a oggi oltre 1600 opere, tra cui figurano molti dei nomi più significativi della fotografia italiana e internazionale (da Luigi Ghirri a Gianni Berengo Gardin, da Richard Avedon a Sebastião Salgado) dal dopoguerra agli anni Novanta del secolo scorso.
La mostra è realizzata in collaborazione con il festival Fotografia Europea di Reggio Emilia, che nell’edizione 2019 sarà dedicato al tema “LEGAMI. Intimità, relazioni, nuovi mondi”.

Franco Fontana (Modena, 1933) ha esposto in oltre quattrocento mostre in tutto il mondo. Tra le personali ricordiamo: Vita Nova, Palazzo Ducale, Genova (2014); La luz del paisaje, IVAM, Valencia (2011); Franco Fontana, Museo de Bellas Artes, Buenos Aires (2007); Ombre e colori, Palazzo Reale, Milano (2004); Franco Fontana, Galleria Civica d’Arte Moderna, Torino (2001); Sorpresi nella luce americana, Galleria Civica, Modena (2000); Varivalokuvia fargfotografier, Finnish Museum of Photography, Helsinki (1990).
Ha pubblicato più di settanta libri e le sue opere sono conservate in oltre cinquanta musei, fra i quali: Maison Européenne de la Photographie, Parigi; International Museum of Photography, Rochester, NY; Museum of Modern Art, San Francisco; Ludwig Museum, Colonia; Pushkin Museum, Mosca; Stedelijk Museum, Amsterdam; Metropolitan Museum, Tokyo; Museum of Modern Art, Parigi; Victoria & Albert Museum, Londra. Ha tenuto workshop e conferenze al Guggenheim Museum di New York, all’Institute of Technology di Tokyo, all’Académie Royale des Beaux-Arts di Bruxelles, all’Università di Toronto. Ha collaborato con il Centre Georges Pompidou, il Ministero della Cultura giapponese e il Ministero della Cultura francese.
Mostra: The Summer Show 2019

Sedi espositive: Palazzo Santa Margherita, Corso Canalgrande 103; Polo culturale Sant’Agostino, Largo Porta Sant’Agostino, Modena
Inaugurazione: venerdì 21 giugno 2019
Periodo mostra: 22 giugno-21 luglio 2019

The Summer Show, l’evento espositivo organizzato dalla Scuola di alta formazione di FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE – Fondazione Fotografia e arrivato all’ottava edizione, presenta una panoramica inedita sulle nuove tendenze e direzioni del linguaggio dell’immagine contemporanea. Il prossimo anno l’appuntamento si svolgerà in due sedi: oltre alla mostra che presenterà al pubblico i progetti artistici elaborati dalle giovani promesse della fotografia alla fine del biennio 2017-2019 del Master sull’immagine contemporanea, che saranno esposti nelle Sale Superiori della Galleria Civica a Palazzo Santa Margherita, la manifestazione continuerà con la sezione Mid-Term presso il Polo culturale Sant’Agostino, dove saranno presentate le opere degli studenti al termine del primo anno del Master sull’immagine contemporanea.
La mostra sarà accompagnata da un catalogo curato dagli studenti.

CONTATTI

Ufficio stampa e comunicazione FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE
Irene Guzman
T. +39 349 1250956
Email i.guzman@fmav.org

Link diretto per scaricare materiali stampa: fmav.org/press-area
FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE nasce nell’ottobre del 2017 per iniziativa dei due soci fondatori Comune di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Diretta da Diana Baldon, la fondazione diffonde l’arte e la cultura visiva contemporanee nella cornice del patrimonio e delle attività delle tre istituzioni culturali che la compongono: Galleria Civica di Modena, Fondazione Fotografia Modena e Museo della Figurina.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...